E sono già a 27!

14 01 2009

Mi avrete data per dispersa, ma non preoccupatevi sono quì a spiegarvi i motivi della mia latitanza, a cercare di farvi capire a che a punto è la mia vita. E quale migliore occasione per farlo se non il giorno del mio compleanno?! (wow…un altro anno è passato).

Oggi riflettevo sulla nascita e sul percorso di questo blog. Non riesco a crederci, il tempo passa davvero come un razzo: sono già trascorsi quasi due anni dal primo striminzito post e chi l’avrebbe mai detto che seguendo i consigli di un mitico personaggio sarei arrivata a questo punto!

In questi mesi ho cercato di raccontarvi alcune mie esperienze particolari, significative, emozionanti, ma anche negative e forse un pò deprimenti, insomma uno spezzato della dura vita di una stakastagista italiana.
E’ passata una vita da quando parlavo di politica, di astrologia, di cose porno, da quando giocavo con il montaggio dei miei Video o quando raccoglievo per voi Jop Opportunities.

Non è stato sempre facile trovare qualcosa di interessante da scrivere (ammesso che io ci sia riuscita davvero), spesso ho preferito lasciare il blog in silenzio per qualche giorno piuttosto che dire cavolate per il puro piacere di aggiornare il blog. A volte mi sentivo in crisi di astinenza se non scrivevo un post su ciò che pensavo o che mi stava accadendo, mentre altre volte quasi mi rifiutavo di collegarmi. Comunque nonostante tutto, non sono mancate le  soddisfazioni!

Ora però la situazione è cambiata e purtroppo devo ufficialmente abbandonare questo blog al suo destino (spero non per sempre, ma sicuramente per qualche mese). Già so che almeno fino a luglio non avrò il tempo per aggiornarlo (povero cucciolo). Le mie richieste strambe non sono mai state esaudite e quindi non posso far altro che scremare (come mi consigliò qualcuno) e stabilire una scala di priorità:

  1. udite udite…attualmente non sono stagista e quindi anche il blog della Staka si prende un pausa.
  2. mi diletto con qualche lavoro di Marketing & Communication, mentre studio per gli ultimi esami universitari.
  3. Infine, dedicherò tempo ed energie ad un progetto a cui tengo molto.

Ok detto questo penso che possiamo salutarci. Non è un addio, ma un semplice arrivederci e ricordatevi che non vado lontano…sono quì. 😉





Happy New Year!

1 01 2009

capodanno091

Il primo dell’anno ricordate che:
festeggiando con spumante il vostro anno sarà brillante,
con lenticchie e cotechino il vostro anno sarà divino,
ma se volete un anno davvero stellare…non scordatevi di AMARE!

Vi auguro un 2009 strepitoso !!!





Merry Christmas!

23 12 2008

babbo-natale

Buon Natale per ogni cosa che troverete sotto l’albero,
per ogni sorriso che vi farà star bene,
per ogni abbraccio che vi scalderà il cuore.

PER TUTTI VOI I MIEI STAKA – AUGURI DI BUON NATALE!





Ci risiamo…

12 11 2008

telefono

…eh sì, grazie al solito mistero su chi fornisce il mio numero, ho ricevuto di nuovo una miracolosa offerta di lavoro. Devo essere proprio una ragazza fortunata, perchè non bastava aver avuto già un’occasione, serviva anche quest’altra opportunità per concretizzare il mio futuro?!

Avevo letto di uno stop a questo tipo di telefonate, ma a quanto pare c’è un nulla di fatto, visto che il telefono di casa mia continua a squillare almeno due o tre volte al giorno per il solito fastidiosissimo telemarketing ed inoltre è già la seconda volta che certe aziende (occhio a questa e simili) vorrebbero “accalappiarmi” come centralinista o come venditrice porta a porta. (Giustamente loro pensano che mi sto specializzando in Comunicazione d’Impresa perchè il mio obiettivo primario è andare in giro a vendere materassi, aspirapolveri o chissà quale altra diavoleria!!!)

Io penso che se qualcuno vuole entrare in casa mia debba chiedere il permesso, no? Insomma, smettiamola con queste chiamate insistenti: capisco che è un lavoro, ma se la risposta è NO, inutile continuare nella vana speranza di convincere il poveretto che sta dall’altra parte della cornetta. Tempo ed energie sprecate per tutti e due.

E poi, telemarketing a parte, mi chiedo con quale coraggio queste aziende e i loro dipendenti cercano di far soldi illudendo la gente e facendo leva sulla disperazione di persone disoccupate o precarie, che avrebbero realmente bisogno di un lavoro serio ed onesto. Davvero no comment!





Dopo la Sardegna si ricomincia

3 09 2008

Signori eccomi di nuovo a voi!
Lo so mi sono fatta attendere un pò troppo, ho prolungato un tantino la mia pausa estiva, ma ne avevo davvero bisogno e sono sicura che mi perdonerete! 😉

Erano tre anni che non mi concedevo una vacanza (o meglio, che non potevo permettermi una vera vacanza). Le ultime estati, le ho passate a lavoricchiare nei villaggi o in pizzeria, nella speranza di mettere da parte un misero gruzzoletto e finalmente ce l’ho fatta: quest’anno sono stata due settimane a San Teodoro in Sardegna in una casetta presa in affitto con un gruppo di amici.

A parte i prevedibili e superabili problemini di convivenza (chi la vuole cotta, chi la vuole cruda, chi mette il muso e rovina la festa a tutti…) sono stata abbastanza bene. Il mare, il sole e soprattutto niente pc (sembrerà strano, ma ho resistito!).
Ogni giorno andavamo in una spiaggia diversa, guardando sulla cartina scovavamo le calette più belle: alcuni punti sono davvero meravigliosi.

Di questa vacanza ci sono 2 cose che mi hanno colpito in particolare: Leggi il seguito di questo post »





Svogliatezza informatica

10 07 2008

E’ da un pò che non aggiornavo il blog e soprattutto che non accendevo il computer (lasciando libere le menti) Non so bene il perchè, ma mi sento in una specie di spirale estiva della svogliatezza informatica (il concetto l’ho appena inventato, ma rende molto l’idea. Almeno credo!).

Fonte

Per quest’estate 2008, finalmente sono fuori dal tunnel degli stage e dei lavori estivi (ok non del tutto, qualche sera a settimana indosso ancora il grembiule della cameriera), ormai si ricomincia a settembre. Ho come la sensazione che mi abbiano staccato la spina, ma per fortuna non del tutto…altrimenti chi studierebbe per gli esami che devo dare nelle prossime settimane?

Non accendo il pc, ma in compenso mi sveglio la mattina presto, così con l’arietta fresca e il cinguettio degli uccellini mi concentro sui capitoli più ostici. All’ora di pranzo chiudo tutto e mi regalo una lunga pausa: prima mi rifocillo con il mio adorato prosciutto e melone oppure con la mitica insalatona di pachino e mais, poi per rilassarmi vado in terrazza per un paio d’ore di tintarella cittadina (dimenticando i famosi suggerimenti).
Pomeriggio riprendo i libri per una full immersion di 3-4 ore e la sera…beh sarete d’accordo con me che le sere estive hanno un qualcosa di particolare, quindi non aspettatevi che rimanga a casa! Ci si vede in giro per i locali romani…ce ne sono tanti di eventi organizzati davvero interessanti, divertenti e per tutti i gusti! 😉

Ora che vi ho aggiornato sul mio stato d’animo e sulla mia quotidianità lugliese luglina del mese di luglio, finisco di studiare e pomeriggio faccio un salto qui.





I sintomi del lunedì

9 06 2008


Fonte

Sarete d’accordo con me che il lunedì mattina è un momento un pò “traumatico” da affrontare. Dopo i due giorni di week end in cui ognuno si è dedicato a ciò che maggiormente lo aggrada, quasi nessuno ha voglia di ricominciare con le solite attività e allora ecco che la settimana lavorativa riparte con delle belle facce appese ed un leggero giramento di balls (che nessuno vuole ammette, ma che tutti avvertono, giusto?). 😉

Anche noi studenti-stagisti soffriamo degli stessi sintomi, ma in una forma più grave: il lunedì per noi non significa ricominciare, ma continuare…perchè solitamente il week end lo passiamo sui libri a studiare, soprattutto durante il periodo della sessione d’esami e quindi niente relax domenicale.
Pensate a quale può essere lo stato d’animo di uno stagista che il lunedì mattina arrivando in ufficio, dopo la sua full immersion nello studio, si sente dire: “Senti che ne diresti di fare qualche lavoretto al posto mio? Durante il week end ti sei riposato, quindi sei sicuramente pronto per questo e anche per riordinare questo“.

Altro che scimpanzè sonnacchioso, qui ci starebbe bene proprio un’altra espressione!