Honda, Porche e Volkswagen a caccia di personale

29 09 2008

In attesa che mi torni la voglia di aggiornare quasi tutti i giorni il blog (non sono sparita, ho solo una leggera sindrome dello scrittore), ho pensato almeno di segnalarvi alcune opportunità di lavoro.

Post dedicato soprattutto a chi ha la passione per il mondo dei motori, per conciliare lavoro e divertimento! 😉

La battaglia per la conquista del mercato sta spingendo in alto l’occupazione, tanto che le più importanti industrie del settore continuano a sfornare modelli su modelli. Di conseguenza, il rafforzamento delle filiali e delle reti vendita è quasi un obbligo commerciale. Posizioni disponibili non solo a Roma ma anche in altre città italiane. La ricerca riguarda disegnatori e grafici, esperti in ricambi e in campagne di marketing, responsabili di zona, tecnici e specialisti vari.

  • HONDA: Io adoro le moto, ma non ne ho mai avuta una. Deve essere una bella opportunità lavorare con loro. E anche se non fosse disponbile una posizione adatta al vostro profilo, provate a candidarvi spontaneamente.
  • VOLKSWAGEN: Conoscete tutti questa famosa casa automobilistica, quindi se volete proporvi come loro dipendenti inviate il  Curriculum.
  • PORCHE  Cercate qui se c’è qualcosa per voi!

In bocca al lupo e fatemi sapere se ci sono delle novità nella vostra vita professionale!

Annunci




I giovani aspettano e…invecchiano

19 05 2008

Sono d’accordo con chi se ne frega del “Caso Travaglio”, in Italia dovremmo preoccuparci di ben altre cose, visto che siamo diventati il Paese dei cervelli sprecati. E’ una situazione assurda e quasi paradossale: più passa il tempo e meno spazio c’è per i giovani (a mio parere, linfa vitale nel percorso verso il futuro). 

Noi ci siamo (competenti, svegli, istruiti, preparati, volenterosi), ma contiamo poco! Non veniamo presi in seria considerazione e difficilmente “i grandi” ci danno la loro fiducia o ci consentono la possibilità di dar prova delle nostre capacità. Io mi chiedo: per quale motivo? Siamo noi a non essere in grado di affrontare le dure prove della vita e del mondo del lavoro e quindi dobbiamo essere messi da parte? O sono loro a voler rimanere attaccatti alle loro poltrone per paura di lasciare il posto a qualcuno che forse sa fare meglio?

Ricordo una frase del Ministro Damiano sugli stagisti: «…non mettiamoli a fare fotocopie, diamogli una paghetta, e poi se sono bravi, valorizziamoli offrendo loro una prospettiva di lavoro». Ma da queste parole pronunciate l’anno scorso  non mi sembra che sia cambiato molto! Sto dando fiducia al Progetto FIXO perchè credo possa essere un buon punto di partenza, ma sono sempre più convinta che forse è la mentalità italiana a dover cambiare!





Qualche vecchio articolo per capire

13 05 2008

La situazione è decisamente peggiorata, ma già qualche anno fa era ben chiaro in che direzione stava andando la “categoria stagisti“.
In Francia i giovani si sono ribellati, perchè le condizioni a cui deve sottostare chi cerca di entrare nel mondo del lavoro sono davvero dure e spesso anche umilianti.
In rete si parla molto di questo tema, sono stati aperti parecchi blog, forum, chat, community dedicati agli stagisti. L’argomento sembra banale, ma scalda sempre di più gli animi di noi giovani insoddisfatti, delusi e…anche un tantino incazzati. Dovremmo mettere le basi per il nostro futuro (e anche per il futuro dell’Italia) e invece a trent’anni saltiamo ancora da uno stage all’altro, senza nessuno stipendio reale e soddisfacente, senza nessuna sicurezza…proprio un futuro roseo, non c’è che dire!!!

Sembra che Milano sia la capitale degli stagisti, ma anche Roma e tante altre città d’Italia secondo me non sono da meno. Ora abbiamo pure un sito per condividere esperienze (di cui già vi avevo parlato), ma dobbiamo prima superare i residui di quella fatidica accusa. Inoltre, grazie ad Eleonora  leggo qualcosa che non mi mette certo di buon umore, visti i miei obiettivi professionali.

Attezione poi quando la parola stagista è scritta tanto per fare scene e attirare l’attenzione!





EXPO 2015 a Milano

1 04 2008

Il risultato tanto atteso è arrivato ieri con una vittoria di 86 a 65. Gli italiani sono già in festa, gioiscono per il riscatto del Paese.

logo_expo.jpg

L’Esposizione Universale del 2015 si terrà a Milano e secondo me, rappresenta davvero una grande occasione per l’Italia di rialzare un pò la testa, di ritrovare una certa serenità in molti settori. A cominciare ad esempio da quello occupazionale, dato che sono previste opportunità di lavoro per circa 70.000 persone. Ottimo direi! 😉

Peccato che, come al solito, il loro intervento rovini ogni cosa e spenga ogni entusiasmo. E oggi è solo il primo giorno!





Generazione P (come precari!)

29 11 2007

Oggi facendo un giro tra i blog che leggo spesso, ho trovato questo e subito è diventato per me fonte d’ispirazione.

Non siamo solo noi giovani italiani a lottare contro la precarietà, a lamentarci per le dure condizioni che siamo costretti ad accettare pur di sopravvivere. E’ un problema legato anche ad altri paesi europei e chissà…forse pure in posti più lontani.
Generazione P è un’unione, non partitica e senza fini di lucro, di movimenti e cittadini europei che hanno deciso di agire insieme per un miglior inserimento dei giovani nel mercato del lavoro.
Da soli non possiamo fare molto, ma unendoci avremmo sicuramente maggiori possibilità di cambiare questo assurdo sistema di business, quindi vi invito a sottoscrivere la petizione proprio come ho già fatto io e tanti altri.

Le firme raccolte non sono mai abbastanza…allora cosa aspettare a mettere la vostra?! 😉