Drin drin…abbiamo un lavoro per te

22 02 2008

Anche a me, tre anni fa, è successo questo e anch’io sono rimasta allibita. Mi è sembrato da subito molto strano ricevere una telefonata di quel genere. Invii decine e decine di curricula e nessuno ti risponde, poi improvvisamente ti chiamano addirittura a casa per dirti che hanno un lavoro per te. Naaaa…dov’è la fregatura?
Mi ricordo, però, che sono andata al colloquio, non con la speranza di avere un lavoro (come direbbe un romano doc: se capiva lontano un chilometro che era ‘na sola! ), ma con la curiosità di sapere di quale azienda si trattasse e soprattutto chi avesse dato loro il mio numero.
Il primo nome l’ho scoperto sulla targhetta affissa alla porta dell’ufficio, il secondo è ancora oggi un mistero.
Comunque quel giorno, appena arrivata, ho visto una trentina di persone di età diverse sedute in una piccola sala di attesa, tutte propense a compilare uno modulo prestampato. Poteva anche sembrare una selezione seria, ma quello che mi ha colpito è che nessuna di quelle persone sapeva realmente per quale lavoro si stava candidando. Mi sono avvicinata alla ragazza che mi aveva accolto all’entrata e le ho chiesto spiagazioni. Mi ha risposto che non poteva dirmi nulla e che avrei avuto maggiori informazioni durante il colloquio con i responsabili.
Non avevo intenzione di aspettare il turno di tutte quelle persone per poi sapere che avevo la possibilità di lavorare come venditore porta a porta di un banale elettrodomestico (con tutto il rispetto per questo genere di venditori) e così me ne sono andata senza pentimenti o ripensamenti.

Parlano di affidabilità e poi ricorrono a certi trucchetti per attirare gente ed amplire il loro giro d’affari. Non è più semplice e corretto dire: “Stiamo cercando venditori, saresti interessato a fare un colloquio?
Insomma, a parer mio, si eviterebbe una notevole perdita di tempo sia nostra che loro!

Annunci

Azioni

Information

17 responses

22 02 2008
studentefreelance

Io fissato un appuntamento e poi naturalmente non mi sono presentato!!!!

😀

22 02 2008
Stakastagista

@studentefrrelance: credo proprio che sia bassissima la percentuale di quelli che hanno sostenuto il colloquio e poi alla fine hanno accettato. Anche accettando, non penso sia una scelta duratura…altrimenti non si spiega come mai sono sempre in cerca di nuovi venditori.

22 02 2008
luca

la cosa inquietante è che poi questi si pappano tutti questi dati…chissà che se ne fanno poi….

23 02 2008
Leonida_Redivivo

Penso che voi vi riferiate a quella pseudo-società che distribuisce il “Kirby”.
Mi ricordo di tutta quella gente di età diversa in attesa, delle foto dei vip sulle pareti, di quello stupido questionario e delle reticenze dell’ incaricata, mi convocarono 3 volte credo, e ovviamente non si ricordavano di averlo già fatto in precedenza: è la solita fregatura del lavoro del venditore porta a porta multilevel e castronerie varie… a riguardo ho avuto modo di avere contatti con altre pseudo-società che smerciavano codesti e altri articoli (p.es. tritacarne elettrici illegali in italia), un folto sottobosco di loschi personaggi…

23 02 2008
signorformat

Ciao Roberta, ti scrivo qui perchè non sono riuscito a ritrovare più la tua mail e mi scuso anticipatamente per l’OFF TOPIC. Ma è importante. Sono stato ospite al “Grande Talk” dove ho presentato la mia idea di un format tv dal titolo “Nonne alla riscossa”.
Anche in tal caso entra il gioco il “pericoloso” quanto da me odiato meccanismo del televoto e sono infatti in sfida fino a giovedi alle ore 12 contro un altro format.
Ti volevo chiederti se potevi votare “Nonne alla riscossa” all’indirizzo http://jcms.sat2000.it/index.php?option=com_pollxt&Itemid=29 e magari fare un “passaparola” tra i tuoi contatti.
Te ne sarei davvero grato. Ci conto..
un salutone,
Giuseppe

24 02 2008
Stakastagista

@signorformat: Le nonne alla riscossa avranno il mio voto! Per quanto riguarda la mia mail trovi tutto nella pagina dei contatti o nel riquadro specifico della colonna di destra. Semplice distrazione o piccola strategia? Vabè non importa, così mi eviti anche il passaparola…tanto lo leggono qui! 😉
In bocca al lupo.

24 02 2008
markingegno

Occhi aperte, ci sono vere e proprie truffe dietro stratagemmi di questo tipo:
http://www.markingegno.biz/blog/2007/11/13/fools-head-hunting/

24 02 2008
signorformat

Grazie Roby del voto. No qui sul blog non ho visto nei contatti., ho controllato nella mia mail ma non le trovavo:) Perciò, nessuna strategiaaaaaaaaaa 😛
Grazie ancora…

24 02 2008
Stakastagista

@markingegno: Eh già, c’è parecchia gente che si approfitta dell’ingenuità di alcune persone! 😦

@signorformat: Ho votato con piacere e ho scritto anche un twitt, chissà che qualcuno dei miei followers non venga a votare per te! 😉 Ancora in bocca al lupo

25 02 2008
simone

Oddio il Kirby, per un soffio ha rischiato pure io di perdere un prezioso pomeriggio a sentire le loro chiacchiere. Anche io ero stato contattato a casa per “un lavoro”, solo che a loro é sfuggito il nome dell’ azienda e io, insospettito da tanta benevolenza (gente che ti chiama a casa per offrirti un lavoro??quando mai!!) ho cercato qualche info sull’ azienda in vari blog e ho capito il trucco.
W i blog!

27 02 2008
BlogLavoro

ahahah…la kirby! Fantastico. Nella nostra zona qualcuno ha abboccato, ce ne siamo resi conto quando un venditore ha suonato alla nostra porta DELL’UFFICIO:
Redazione Bloglavoro : sì?
Venditore: buongiorno, vorrei proporle un prodotto innovativo
RB: no guardi, non compriamo niente
V: signora non è il folletto, è migliore
RB: sì ma guardi, non abbiamo bisogno un aspirapolvere, grazie
V: ah…v a bene… e senta, conosce qualcuno che cerca lavoro?
RB: lol! (è nel posto giusto?!)

comunque le strategie di marketing aggressivo, le prevaricazioni sui dipendenti e il racconto delle metodologie di lavoro di Kirby sono state descritte dalla scrittrice Michela Murgia in un suo recente libro, scaturito dalla sua esperienza lavorativa all’interno del call-center dell’azienda. Lo stesso da cui Virzì ha recentemente preso spunto per il film sui call center.

13 03 2008
Guido Tedoldi

Mi ricollego al commento di Luca pubblicato il 22 febbraio. A quanto mi risulta l’interesse di certi personaggi non è tanto offrire un lavoro quanto allungare la propria lista di «contatti possibili» da trasformare in clienti.

Ne ho avuta esperienza diretta con la Mutuelle Du Mans, un’organizzazione finanziaria francese che in Italia agisce nel settore delle assicurazioni sulla vita. Ho risposto a un annuncio su un giornale e ho partecipato a un loro corso di 12 lezioni, gratuito, che doveva formarmi come «Ispettore delle assicurazioni» o, se non fossi risultato all’altezza di quel compito, «Consulente di vendita». Tra la documentazione che mi è stata consegnata all’inizio del corso (materiale pubblicitario aziendale e fascicoli con estratti del Codice civile) c’era anche un fascicolo in cui inserire i dati anagrafici di 30 persone che conoscevo: parenti, amici, colleghi di lavoro, sodali di associazioni di volontariato.
Al corso abbiamo partecipato in 12, ma l’abbiamo concluso in 10. Io ho detto dall’inizio che non ero capace di fare il venditore (avevo precedenti esperienze in tal senso) per cui se quello che volevano era che andassi dai miei 30 contatti a vendere i loro prodotti stavamo perdendo tempo, sia io sia loro. Ogni volta che il discorso veniva fuori, mi rassicuravano che non era così: ero tra i migliori e più attenti dei loro allievi e quindi avrei fatto sicuramente l’ispettore (ruolo di supporto alla squadra di vendita) e non avrei certo agito sul campo.
Alla fine del corso, sorpresa: prima di diventare ispettore dovevo fare una prova pratica, ovvero compilare (non lo avevo ancora fatto) quel dannato fascicolo dei 30 contatti e poi vendere loro almeno 10 contratti. In questa maniera l’azienda avrebbe avuto la riprova delle mie capacità. «Ma, e quello che ci eravamo detti fino a ieri?», ho replicato. Non valeva niente.

Chiaramente non ho compilato il fascicolo, e di quei mesi di corso mi è rimasta una consapevolezza maggiore di certi aspetti del Codice civile. Tutti i miei compagni di classe, però, anche i 2 che se n’erano andati dopo pochi giorni, quel fascicolo dei 30 contatti l’avevano compilato – e consegnato in segreteria.
Al solo costo di qualche decina di caffè offerti al bar e di 24 ore di infarinatura legale, l’azienda aveva 330 indirizzi dove i venditori si sarebbero presentati dicendo: «Mi ha dato il suo nominativo la tal persona, che è un nostro entusiasta sostenitore».

La vicenda ha un corollario.
Dopo alcune settimane si presentò a casa mia un venditore di quell’azienda, dicendo a mia madre che mi conosceva bene e che io avevo lasciato i suoi dati allo scopo di venderle un’assicurazione.
Mia madre gli ha, ovviamente, chiuso la porta in faccia.

Guido Tedoldi

13 03 2008
Stakastagista

@Guido Tedoldi: Mi dispiace per la tua disavventura, ma ti ringrazio davvero molto per la segnalzione, speriamo che possa essere utile per qualcuno che si troverà nella tua stessa situazione. Grazie e in bocca al lupo per il futuro.

18 07 2008
Giusy

Grazie ragazzi,
avevano chiamato mio fratello e… un lavoro a una settimana dal diploma???? eravamo allibiti! e dove siamo? a Milano???
Alla fine ci siamo resi conto della fregatura, ma solo grazie ai blog (naturalmente la voce rassicurante di Veronica non ha fatto il nome del fantomatico KIRBY!).
FATE ATTENZIONE anche se non si sputa su nessun lavoro, farsi sfruttare è un’altra cosa.

12 10 2008
Basta truffe!

Leggetevi il libro “Il mondo deve sapere” di Michela Murgia: svela tutti (o quasi) i trucchi con cui le concessionarie KIrby fregano povere casalinghe indifese e “bamboccioni” in cerca di lavoro. O guardatevi ‘sti link:

http: //truffakirby.ilcannocchiale.it/
http: //alessios4.blogspot.com/2006/09/kirby-aspirapolvere-o-aspirasoldi-solo.html
http://www.guadagnorisparmiando.com/acquisti/il-kirby-ovvero-tutta-una-truffa/
http://www.girodivite.it/Truffa-Kirby-Nella-provincia-di.html

12 11 2008
Ci risiamo… « Riflessioni di una StakaStagista

[…] una miracolosa offerta di lavoro. Devo essere proprio una ragazza fortunata, perchè non bastava aver avuto già un’occasione, serviva anche quest’altra opportunità per concretizzare il mio […]

7 07 2009
fabio

ciao sono stato contattato dall Ital Pride Roma ne sapete qualcosa il tutto è collegato alla Kirby vero?
Fatemi sapere grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: