Precari ragazzi, diciamolo con un cartoon

12 01 2008

Tutti più o meno pensiamo certe cose e viviamo certe situazioni, ma a volte descrivere il nostro stato d’animo è un’impresa difficile!
Loro, invece, con questo divertente video ci sono riusciti alla grande e…scherzando, scherzando hanno detto la verità!

Immagini, musica, movimenti, ma sopratutto parole azzeccate. E poi, quella strepitosa frase finale, sono sicura che vedrà tutti concordi! 😉

Annunci

Azioni

Information

14 responses

12 01 2008
studentefreelance

Ciao Staka vediti anche questo la cella è la metafora della nostra condizione!

12 01 2008
Stakastagista

@studentefreelance: ops…questo cosa? 😉

12 01 2008
studentefreelance

sorry….questo…

12 01 2008
prime

A prescindere dal tuo solito cattivo gusto ormai noto,
una cosa del genere vedrà tutte concordi Menti Precarie come la tua,
non potrebbe vedere concordi tanti Menti Flessibili molto diverse dalla tua.

12 01 2008
Marco Patruno

Gentile Amica,

Vedo che il pensatore del nulla è diventato anche uno dei tuoi più grandi lettori.

Marco Patruno

12 01 2008
Stakastagista

@Marco Patruno: Eh già, è un fedelissimo lettore del mio blog, ma non poteva essere altrimenti data la sua profoooonda stima nei miei confronti! Ormai il pensatore del nulla è ufficialmente un “grande Personaggio”…come si potrebbe fare a meno di lui e delle sue pillole di saggezza? 😉

13 01 2008
Leonida

Spett. Dott. STAKASTAGISTA
E’ la prima volta che ti scrivo mi permetto di usufruire del tuo bel blog per avere un parere in merito alla scelta che feci qualche annetto fa quando mi iscrissi alla facoltà di ing. gestionale alla veneranda età di 26 anni suonati, fra mille incasinamenti che qui non dico.
Ora che di anni ne ho 30 (ahime, anche se ben portati direi) e sono vicinissimo al titolo del I livello e sono pure propenso a far la specialistica( anche se a velocità turbo!) è giunto il momento di guardare face to face la realtà e chidersi/rvi: “ho fatto bene o male?”
Premesso che l’talia non sa che farsene dei lauerati, ingegneri in particolare.
Scusate per l’ora tarda, ma l’angoscia mi fa soffrire d’insonnia

13 01 2008
Stakastagista

@Leonida: Per prima cosa cerca di mettere da parte tutto questo pessimismo, perchè vedere tutto nero non ti aiuterà a capire cosa fare e quale strada percorrere. Non è vero che l’Italia non sa che farsene dei laureati, è solo che una laurea non basta per conquistare il mondo del lavoro: servono coraggio, perseveranza, adattabilità, determinazione e voglia di farcela. Migliora le tue competenze, approfondisci le tue conoscenze, fai pratica più che puoi e proponiti sul mercato in modo più competitivo (insomma fai la differenza!).
Nei prossimi giorni scriverò un post per parlare della tua situazione, così potrai avere il parere anche di altre persone e…speriamo che la tua insonnia passi in fretta! In bocca al lupo. 😉

13 01 2008
Marco Patruno

Gentile Leonida,

Voglio raccontarti un sogno non mio, ma un sogno dello scrittore Aldo Nove. Questo sogno si ricollega ad una realtà di fatto: Cioè che noi giovani istruiti siamo più poveri dei nostri genitori che hanno fatto grossi sacrifici per mandarci a scuola e all’università.

Aldo Nove: Una notte ho sognato un gruppo di laureati accovacciati sotto la finestra di un idraulico, in attesa che l’idraulico gettasse loro gli avanzi del sushi consumato per la cena. L’idraulico, che a un certo punto si affacciava dalla finestra per deridere gli accademici, aveva una pelliccia di visone e le unghie laccate.

L’altra sera quando ho letto questo pezzo, sono rimasto talmente colpito che ho fatto lo stesso sogno, pur se con alcune varianti.

Ho sognato un gruppo di sostenitori del precariato e del lavoro gratuito accovacciati sotto la finestra di una compagnia di laureati, in attesa che i laureati gettassero gli avanzi del sushi consumato per la cena, la compagnia di laureati si affacciavano dalla finestra e ritrovavano la forza di sorridere e l’entusiasmo di guardare in avanti (A dimenticavo! ovviamente i sostenitori del precariato rimasero anche quel giorno senza mangiare.)

Questo per dirti che da laureato devi essere critico, anzi spietatamente critico nei confronti dell’attuale mercato del lavoro, ma mai perdere la fiducia di guardare in avanti.

Marco Patruno

13 01 2008
prime

@patruno
Non ci far ripetere sempre le stesse battute su di te, come detto + volte ci fai essere ripetitivi e poi si rischia di diventare anche noi noiosi come te …

Giusto per farti capire in che mondo vivi – poichè sembra tu non te ne sia reso conto – l’oggetto che qui pubblicizza la nostra comune blog-autrice ha dentro di se elementi demagogici fortemente anti-italiani, con compenenti di base contrari al normale vivere civico e che portati anche poco all’eccesso possono configurare reati contro lo Stato … “vivamo all’inferno” con sotto la cartina dell’Italia non è qualcosa di edificante né per l’Italia, né per i lettori, ne per gli scriventi, e neppure per chi controlla un certo tipo di apologia di pensiero.
La componente giocoso-comica che ci può stare in questo tipo di prodotti si va a perdere con facilità.

@leonida
L’italia cerca molti ing., non ti perdere d’animo dietro a tristi pensieri negativi come quelli che leggi spesso qui. Molti ce la fanno, proprio perchè pensano in positivo.
Sii una Mente Flessibile, e non una Mente Precaria.

@stakastagista
Felici di vedere dai tuoi ultimi commenti qui che stai finalmente tirando fuori un po di visioni di positività nella tua vita e in quelle del tuo prossimo, iniziando ad accettare anche le critiche nella tua vita.
Vuol dire che come immaginavamo qualche cosa hai finalmente imparato e che non eri del tutto passata “nel Lato Oscuro della Forza”, speriamo che tu faccia ancora in tempo a diventare una dispensatrice di felicità invece che rimanere una dispensatrice di tristezza e di pensieri negativi.

😉

15 01 2008
Leonida

Spettabili Colleghi.
Scusate se ho ecceduto nell’appellativi, visto la mia attuale,per quanto momentanea,carenza di titoli.
Devo ammettere che mi fa molto piacere constatare che esiste ancora qualcuno in questa depressa italia che ripone ancora qualche speranza nel futuro, in vero non sono nemmeno io così tanto pessimista( finche si ha la salute e gambe agili…), tutta al piu’ di persone decisamente depresse ne potremmo trovare fra i blogger di codesto blog: http://ingegneridisoccupati.blogspot.com/search/label/Laureati.
Mi ha spinto a essere eccessivamente tetro nel commento cui sopra, forse il dovere di solidarizzare con il loro cupo umore.
Il vostro affezionatissimo Leonida.

21 01 2008
Pillole d’incoraggiamento contro l’insonnia « Riflessioni di una StakaStagista

[…] impassibile e quindi, come promesso qualche giorno fa, scrivo questo post per aiutare e consigliare qualcuno che soffre d’insonnia: un ragazzo preoccupato per il suo futuro e davvero molto scoraggiato, forse a causa del pessimismo […]

23 07 2013
http://familyguytvshow.wordpress.com

It had not been until as soon as the tank of milk got shoot that scene is moved to the sign “Milk Bank”.
Like all relationships, yours will experience topics of mutual interest, along with the bond you create will permit him
to feel more stimulating and willing to connect to you.
You still have to stick to the reconciliation process if you need your Ex to adore you again.

16 04 2015
best butter chicken

best butter chicken

Precari ragazzi, diciamolo con un cartoon | Riflessioni di una StakaStagista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: