Excite: stagisti con il sorriso

30 06 2008

Habemus Video! ;)

Ho superato certi problemini e finalmente per la gioia di qualcuno pubblico il tanto atteso video degli stagisti di Excite.

Purtroppo le interviste le ho girate più di cinque mesi fa (ecco spiegati maglioni e sciarpette) e quindi gli stage sono terminati, ma questo potrebbe essere un punto a favore: nel senso che chi ha finito può dirci quali proposte ha ricevuto e chi è appena entrato può confermare o smentire ciò che è stato affermato in passato.
E chissà cosa avrà da dire il Grande Capo!

Ora basta non voglio svelarvi nulla, con il titolo vi ho già detto troppo, quindi…che il video abbia inizio.





I sintomi del lunedì

9 06 2008


Fonte

Sarete d’accordo con me che il lunedì mattina è un momento un pò “traumatico” da affrontare. Dopo i due giorni di week end in cui ognuno si è dedicato a ciò che maggiormente lo aggrada, quasi nessuno ha voglia di ricominciare con le solite attività e allora ecco che la settimana lavorativa riparte con delle belle facce appese ed un leggero giramento di balls (che nessuno vuole ammette, ma che tutti avvertono, giusto?). ;)

Anche noi studenti-stagisti soffriamo degli stessi sintomi, ma in una forma più grave: il lunedì per noi non significa ricominciare, ma continuare…perchè solitamente il week end lo passiamo sui libri a studiare, soprattutto durante il periodo della sessione d’esami e quindi niente relax domenicale.
Pensate a quale può essere lo stato d’animo di uno stagista che il lunedì mattina arrivando in ufficio, dopo la sua full immersion nello studio, si sente dire: “Senti che ne diresti di fare qualche lavoretto al posto mio? Durante il week end ti sei riposato, quindi sei sicuramente pronto per questo e anche per riordinare questo“.

Altro che scimpanzè sonnacchioso, qui ci starebbe bene proprio un’altra espressione!





Troppa carne al fuoco

31 05 2008

Siamo già arrivati alla fine di maggio…come corre il tempo e come corro io dietro a lui per riuscire a fare tanto, a fare tutto.

Malinconia a parte, voglio chiudere il mese con una specie di esame di coscienza, un punto della situazione. Si, perchè sono stanca, parecchio stanca sia fisicamente che mentalmente. Deve capire se la direzione in cui sto andando è quella giusta, non mi va di perdere tempo, di mettere tante energie in qualcosa che poi svanisce nel nulla lasciandomi a mani vuote.
Ormai lo sapete anche voi: sono una che si dà da fare e parecchio (fin qua nulla di male, giusto?), ma il problema è che metto anima e corpo in TUTTO quello che faccio e mi sto rendendo conto che diventa sempre più alto il rischio di ottenere un unico risultato: esaurimento da stress!
Lezioni, esami, tesi, laboratori, stage, collaborazioni, lavoretti vari come quello in pizzeria (assurdo a dirsi, ma per ora l’unica vera fonte di guadagno per me). E da qualche settimana anche questa nuova avventura. Capisco che il 2008 è l’anno del Capricorno, ma se continuo di questo passo mi dedicheranno un monumento allo stacanovismo.

Mi chiedo se sto esagerando. Serviranno tutti questi stage (per di più non retribuiti)? Insomma, meglio la quantità (che per il mio carattere racchiudere anche inevitabilmente la qualità) oppure selezionare e puntare solo sulla qualità?
Dubbi amletici. Forse farei bene a seguire il consiglio di chi mi rimprovera di aver messo troppa carne al fuoco…Eh si, credo sia proprio così. Tutta colpa della mia voglia di fare! Da oggi s’inizia a scremare! Questo sarà il periodo delle scelte, il momento in cui imparo a dire NO.

Buon 2 giugno a tutti e mi raccomando rilassatevi e godetevi questo week end…proprio come farò io che vado due giorni al mare (senza libri, senza pc, senza pensieri, se ci riesco!).





Misura il tuo stress

20 03 2008

Ci sono giornate in cui faccio tante cose insieme, corro da un posto all’altro per essere presente ad una lezione, per incontrare i miei colleghi di laboratori, per fare il mio dovere di stagista, per accontentare tutti e non rinunciare a nulla…insomma, non voglio annoiarvi, ma come potete ben immaginare la lista sarebbe lunga. Avevo provato a chiedere giornate di 48 ore, ma nessuno ha risposto alla mia lettera! ;)
Risultato? I miei livelli di stress sono preoccupanti: raggiungono percentuali tra il 95% e il 100%
Sicuramente qualcuno starà pensando: “Tranquilla Staka, io sto molto peggio di te!” e allora dimostratemelo con questo.





Il mio week end di relax

29 07 2007

Ho deciso di regalarmi un bel week end di riposo, lontano da ogni minima forma di lavoro o di studio. Ogni tanto ci vuole, no?
Per sciogliere lo stress accumulato, una delle cose migliore è passare una giornata al mare (beh almeno per me!). E così, detto fatto, ieri sveglia all’alba e partenza prima delle otto, per evitare il traffico devastante del G.r.a. con tutti i suoi interminabili lavori: meglio sacrificare qualche ora di sonno che passare gran parte della mattina chiusi in macchina sotto il sole, facendo un metro ogni dieci minuti e dove l’unica goduria arriva dalle bocchette dell’aria condizionata.
In spiaggia si stava meravigliosamente bene: mare abbastanza pulito (molto più degli altri anni), fresco venticello che permette di stare sdraiati al sole per ore senza versare una gocciolina di sudore. E per completare l’opera, tra le mani un bicchiere di grattachecca ananas e melone…oooottimo dire! Tornata a casa, subito una bella doccia rigenerante e poi via nella calda sera estiva a sfoggiare la mia tintarella color ambra/cioccolato ballando i ritmi calienti della salsa cubana.
Anche in questa domenica vorrei rilassarmi…mmm…vediamo cosa posso fare…un’idea l’avrei! Mi basta un pò di farina, dei cubetti di lievito di birra, un pizzico di sale e qualche cucchiaio di olio d’oliva: preparerò le mie croccanti focaccine. (Peccato che voi non possiate assaggiarle…e se aprissi un banchetto su Second Life? Virtualmente potrei farvele gustare).
Mi piace stare in cucina, ci metto impegno e dedizione (beh come per ogni altra cosa!) il mio cavallo di battaglia è il tiramisù, ma in genere tutti i dolci mi vengono benissimo. Ovviamente faccio molta attenzione anche alla presentazione del piatto, pure l’occhio vuole la sua parte!

Grattachecca e Focaccine

Oggi avete scoperto altri lati della StakaStagista, non ve li aspettavate, vero?
Vi ho raccontato del mio week end per darvi un esempio pratico di come a volte staccare la spina sia fondamentale: insomma nella vita non si può sempre e solo studiare e lavorare…si deve fare anche tutto il resto e credetemi ci sono tante tante belle cose da fare, quindi quando potete approfittatene!








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.